Le analisi illogiche

Praticamente siamo in una sala da ballo e per un ospite che lascia la pista ce ne sta sempre un altro pronto a rientrare. Per gli amici più distratti voglio ricordare il cenno che avevo scritto ieri ad una frattura insanabile all’interno di quella maggioranza di governo che soltanto chi non vuole vedere non riesce a notare. Da questa frattura sarebbero fuoriusciti i componenti di Sinistra Democratica con Renzo Barbazza pronto a passare la mano abbandonando una Giunta sempre più piegata su se stessa e praticamente ridotta a mere funzioni notarili invece di essere il braccio esecutivo di un’amministrazione che non riesce a svuotare nemmeno un lavandino otturato.

Del bilancio riclassificato ancora nessuna notizia e non si vede nemmeno uno sbuffo di fumo all’orizzonte con una situazione che di fatto lega le mani a qualsiasi iniziativa che debba comportare un minimo impegno di spesa dell’amministrazione. Il grande spiegamento di tecnici utilizzati per un’azione di annebbiamento, quando la semplice contrazione di necessità della spesa è stata spacciata per spending review, non è servito a nulla. Su uno scacchiere fatto di sole caselle nere si muovono però le truppe del Sindaco, che seduto saldamente al suo posto agita pedoni ed alfieri nel tentativo di arginare lo scacco che diventa ogni giorno più vicino.

Se al posto del dimissionario Barbazza è pronta a salire Patrizia Befani, ormai quasi silente e stranamente inoperosa, stranezza che salta subito agli occhi di chi la conosca bene, anche il consigliere comunale eletto in Sinistra Democratica, Claudia Calistri, potrebbe andare ad ingrossare le fila della disarticolata minoranza consiliare. Pietro Tidei non si scoraggia però, avendo avuto trascorso questi mesi di primavera ad intessere una relazione di non belligeranza ed anzi di appoggio programmatico e costruttivo, naturalmente appoggio esterno, da parte del consigliere già candidato sindaco Lorenzo Casella che ha più volte dichiarato la propria disponibilità a votare provvedimenti che possano essere proposti nell’interesse della Città.

E le schermaglie che ogni tanto vanno in scena tra i due contenenti, Casella e Tidei appunto, non devono trarre in inganno nessuno trattandosi dello stesso copione che ha aperto la strada all’incarico in Giunta comunale del presenzialista Emanuele Minghella. L’importante è tenere forzatamente a galla una commistione di persone che ha spento ogni fattore propulsivo, che non ha più idee né voglia di fare, con una stagione turistica iniziata ieri senza alcuna attrattiva particolare. E se la ragione per non poter cambiare lo stato di cose, la scorsa estate, andava rintracciata nella fresca nomina della nuovissima maggioranza, nella stagione successiva qualcosa di buono, o almeno qualcosa, ci sarebbe piaciuto vederlo. Non possiamo dire di essere stati sfortunati, stavolta ce la siamo proprio cercata.

Se vuoi leggere ancora

Fare informazione oggi è una cosa assolutamente difficile. Farla in maniera alternativa, come piace a noi e come piace a te che ci stai leggendo, oggi è diventato impossibile se non si ha uno sponsor alle spalle. Ma lo sponsor poi contribuisce a condizionare i contenuti e le attività del giornalista. Diventa tu lo sponsor di quello che ti piace leggere. Puoi contribuire anche tu alla nostra attività, alle nostre ricerche, a tutti i costi che sosteniamo con una piccola donazione o con un contributo a piacere. Non siamo un partito, non riceviamo contributi pubblici, non siamo alla ricerca di un facile consenso ma possiamo continuare nella nostra opera di informazione controcorrente grazie al sostegno dei lettori come te, a cui piace conoscere anche l’altro lato di ogni medaglia. Se puoi farlo per noi è importante, se non puoi continua a leggerci lo stesso e magari diffondi i nostri link.

Se ti piace fallo sapere al mondo:
Informazioni Personali

Totale Donazione: €2.00

Se ti piace fallo sapere al mondo: